Articoli

Premio Autore iN, l’Associazione Autori ha celebrato l’indipendenza dei giornalisti

Premio Autore iN, l’Associazione Autori ha celebrato l’indipendenza dei giornalisti

L’Associazione Autori si è ritrovata a Merate venerdì 4 luglio per tenere la sua assemblea e consegnare i riconoscimenti della prima edizione del premio “Autore iN”, indetto dall’associazione per valorizzare il lavoro svolto nel 2013 dai propri associati: più di 700 giornalisti tra Lombardia, Piemonte e Liguria. La grande festa (magistralmente condotta da Maurizio Vermiglio e Serena Agostani) si è svolta nel nuovo auditorium comunale e la data scelta non è stata casuale, il 4 luglio si celebra infatti la festa d’indipendenza americana, per ribadire l’indipendenza del lavoro dei giornalisti che fanno parte dell’Associazione.

Ecco i 5 riconoscimenti assegnati ai migliori articoli pubblicati nel 2013:

1° classificato

“Parroco in chat in cerca di amore gay: lo smascherano i giornalisti”
(clicca qui per leggere l’articolo: parte 1parte 2)

Jacopo Colombi, Alessandro Fiamma, Chiara Beretta, Stefano Giudici e Gianni Stirati per Settegiorni

Siamo di fronte a un vero scoop che mezza Italia ha copiato e ripreso su giornali e tv. La redazione ha avuto un’imbeccata da un lettore-amico e per scovare il sacerdote a caccia di sesso in una chat, si è finta interessata ottenendo un appuntamento da lui. Una volta di fronte, i nostri giornalisti hanno convinto il prete a fare autocritica ed oggi, dopo mesi di meditazione e penitenza, pare che si sia rimesso sulla giusta strada. Un encomiabile lavoro di gruppo fatto anche di registrazioni audio e video e di tante fotografie.

2° classificato

“Resteranno per sempre insieme”
(clicca qui per leggere l’articolo)

Marco Tirabassi per La Gazzetta della Martesana

Quando la commissione ha letto questo articolo ha faticato a trattenere emozione e lacrime. Una storia struggente dove l’amicizia immensa tra due bambini li ha accomunati prima nella malattia e poi in un incidente che li hanno strappati troppo giovani alla vita. E già in tenera età avevano deciso che anche da defunti sarebbero rimasti vicini. E’ così è stato, perché superando burocrazia e qualche resistenza, oggi riposano in pace nella stessa tomba. Complimenti all’autore che ha saputo raccontare con grande rispetto e delicatezza un dramma che fa male ancora oggi.

3° classificato

“Il bacio dei due ragazzi ferma la città”
(clicca qui per leggere l’articolo: parte 1parte 2)

Michela Trada e Chiara Bellardone per Notizia Oggi Vercelli

Questa inchiesta ha il merito di aver raccontato e mostrato ciò che in tanti non vogliono né leggere né vedere. Le due brave giornaliste, insieme a due ragazzi omosessuali che conducono con gioia la loro vita, hanno messo a nudo i pregiudizi della gente che, alla vista di un bacio tra due persone dello stesso sesso, ma che vibrano di un amore identico alle coppie tradizionalmente composte da uomo e donna, hanno giudicato e inveito mostrando tutto il loro limite culturale. Il servizio ha il grande merito di aver scoperchiato un odioso pregiudizio con grande pudore.

4° classificato

“Bambina di soli 4 mesi trovata morta nel passeggino”
(clicca qui per leggere l’articolo: parte 1parte 2)

Sabina Zotti per il Giornale di Merate

Di fronte alla morte di una bambina di soli 4 mesi ogni parola è superflua. Ma in questo caso la giornalista ha trattato l’argomento con smisurato rispetto per il papà e la mamma e con amore verso questo angioletto volato troppo presto in cielo.

5° classificato

“Baby squillo per una settimana, adescate da insospettabili maniaci”
(clicca qui per leggere l’articolo)

Micaela Crippa, Davide Casati e Marta Frigerio per il Giornale di Merate

Emerge da subito l’estremo coraggio dei giornalisti e l’abile organizzazione della trappola tesa  ai protagonisti . Fingendosi baby squillo e inserendosi in alcune chat, il gruppo di giornalisti e giornaliste ci ha messo poco ha far scattare l’appuntamento per smascherare adulti in cerca di sesso con minorenni. Straordinario lavoro di gruppo.

Sono stati consegnati anche dei premi speciali:

Giornalista Coraggioso

Marco Bogetto

E’ un riconoscimento al coraggio. Nonostante sapesse che il protagonista dell’articolo di cronaca nera fosse un violento, piuttosto che non avere una sua dichiarazione… è andato dentro la sua sala giochi facendo scattare l’ira e poi, purtroppo, il pugno in faccia. Per la cronaca: il nostro giornalista coraggioso, Marco, ha vinto la causa ed è stato risarcito dal bullo violento

Premio speciale alla carriera

Giancarlo Villa

Non disdegna la polemica giornalistica e purtroppo, a volte anche la polemica col direttore… che però lo adora. Segue Vanzago da 38 anni e la vendita che totalizza in un paese di circa 8mila abitanti lo pone tra i giornalisti con la più alta penetrazione nel rapporto famiglie-copie.  E’una roccia! Ha fondato, o quasi, Settegiorni insieme ad altri suoi amici nel 1976 e da quel lontano anno non ha più saltato un numero.

Benvenuta in edicola anno 2013

iN Cremasco Week, consegnato a Jessica Taborelli e Monia Casarotti

Con grande orgoglio premiamo l’ultimo dei giornali nati all’interno della galassia del circuito iNetweek, il più importante cliente dell’Associazione Autori. Un’altra sfida vinta e senza dubbio una nuova palestra dalla quale prenderanno il volo altri nuovi grandi giornalisti.

Miglior performance di vendita anno 2013

La Settimana di Saronno, la cui responsabile è Franca Gerosa, affiancata da Daniela Busnelli, Annalisa Conti e Simona Pilenga

Per questa testata sarà difficile dimenticare il 2013, anno della consacrazione e dell’abbattimento di certe soglie psicologiche che nella vendita delle copie sono spesso insuperabili. Loro ce l’hanno fatta e va detto, con ulteriore felicità, che anche nel 2014 stanno infrangendo vecchi record.

Miglior edizione straordinaria 2013

La Gazzetta Della Martesana e Il Giornale Di Monza, con l’articolo “Storia arresto Sindaco di Pioltello” nell’edizione del 12 dicembre 2013

Meritatissimo riconoscimento e premio a due giornali, anzi a due redazioni che hanno fatto dell’unione la loro estrema forza. L’arresto di un sindaco non è mai facile da gestire e raccontare. Ecco, loro lo hanno fatto con ricchezza di dettagli, indipendenza, ma soprattutto con fondamentali notizie esclusive che hanno permesso soprattutto di fare il botto in edicola.

Un riconoscimento speciale è stato assegnato alla redazione di Sprint e Sport, con gratitudine e stima del presidente Francesco Amodei al suo prezioso partner calcistico.

Ecco le foto della serata:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *