Articoli

Bandita la parola “clandestino” in nome della “Carta di Roma”

Bandita la parola “clandestino” in nome della “Carta di Roma”

“Dal 2008 i giornalisti italiani si sono dati, attraverso la Carta di Roma, un codice deontologico che consenta di evitare termini razzisti nel raccontare le storie, spesso dure e tristi, dei migranti che si affacciano anche nel nostro Paese. L’Ordine e la Federazione della stampa hanno condiviso questa scelta, che trova sempre maggiore consenso fra i colleghi. Non si capisce dunque perché ancora qualcuno ironizzi su una posizione seria e rigorosa”, ha dichiarato il segretario del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti Giancarlo Ghirra, polemizzando verso un articolo pubblicato su “Libero” nel quale si definisce ipocrita la decisione del’agenzia di stampa Adnkronos di bandire dai suoi lanci il vocabolo “clandestino”, scelta già adottata dall’agenzia “Ansa”.

“Anche il New York Times ha annunciato di unirsi alla decisione dell’Associated Press e di inserire nelle linee-guida per i suoi giornalisti il divieto di usare il termine ‘illegale’ riferito ai migranti – ha aggiunto Ghirra – La decisione è l’effetto di chi anche negli Stati Uniti intende evitare l’uso nei media di termini sbagliati, che alimentano l’odio e l’ostilità verso i migranti. Spiace che nel nostro Paese non tutti apprezzino la Carta di Roma, proprio mentre a livello internazione cresce la consapevolezza del dovere di raccontare i fatti utilizzando parole non offensive della dignità delle persone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *