Articoli

Il Garante della privacy obbliga i giornali ad aggiornare gli archivi online

Il Garante della privacy obbliga i giornali ad aggiornare gli archivi online

Il Garante per la privacy ha stabilito che anche gli archivi online dei giornali devono essere aggiornati, accogliendo i ricorsi di due cittadini,  e ha così ordinato a un gruppo editoriale di aggiornare alcuni articoli presenti nell’archivio storico online di un suo quotidiano.

Tutti gli articoli, conservati negli archivi giornalistici online, e attinenti ad uno stesso argomento, dovranno quindi essere opportunamente correlati tra loro in modo da consentire al lettore di poter avere aggiornamenti sugli sviluppi e una memoria storica della vicenda in questione.

I ricorrenti si erano rivolti all’Autorità insoddisfatti del riscontro ottenuto dall’editore, per chiedere la rimozione dall’archivio storico on-line di alcuni articoli riguardanti gravi vicende giudiziarie in cui erano rimasti coinvolti o, quanto meno, l’integrazione o l’aggiornamento delle notizie con gli esiti delle successive sentenze, a seconda dei casi di proscioglimento, assoluzione o intervenuta prescrizione. Il Garante ha negato la rimozione degli articoli, ma ha ritenuto che i ricorrenti avessero diritto a ottenere l’aggiornamento o l’integrazione dei dati personali.

Nei due casi esaminati dal Garante, infatti, sviluppi successivi della vicenda avevano profondamente modificato i contenuti dei primi articoli di cronaca.La decisione del Garante si pone in linea con una recente sentenza della Cassazione, la quale, nell’affrontare un caso analogo, ha statuito che per salvaguardare l’attuale identità sociale di una persona occorra garantire la contestualizzazione e l’aggiornamento della notizia di cronaca, attraverso il collegamento ad altre informazioni successivamente pubblicate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *